Come il Cloud può unificare gli sforzi di marketing

How the Cloud Can Unify Marketing Efforts
How the Cloud Can Unify Marketing Efforts

E cosa può guadagnare la tua azienda

Le campagne di marketing di successo sono quasi sempre il risultato degli sforzi del team. Per avere successo nel posizionamento, proponendo la tua attività per soddisfare un’esigenza del cliente altamente specializzato, in genere c’è bisogno di un dipartimento pieno di professionisti del marketing, che possano creare un volume elevato di materiali e diffonderli in modo efficace.

Tuttavia, applicare i principi del posizionamento a un intero team può essere difficile, anche quando si hanno a disposizione strumenti di comunicazione digitale. Ad esempio, se un dispositivo presenta problemi hardware, tutti i canali vengono tagliati fuori. Poi ci sono gli ostacoli ancora maggiori dei server instabili e la mancanza di scalabilità.

Fortunatamente, l’attuale rivoluzione del Cloud ha risolto questi problemi per i team di marketing, offrendo loro un facile accesso ad aggiornamenti, correzioni e cooperazione di marketing. Con le seguenti sei funzionalità degli strumenti di comunicazione basati su Cloud, i team di marketing possono rimanere allineati e produrre materiali meglio posizionati.

1. Chat di gruppo

L’invio di messaggi istantanei a interi team è qualcosa che le aziende a volte danno per scontato. Tuttavia, è uno strumento talmente importante che merita una breve descrizione.

Le chat di gruppo consentono a interi team di chiarire argomenti, fare richieste o semplicemente tenersi aggiornati gli uni con gli altri all’istante, evitando le email. Poiché il marketing funziona meglio quando tutti sono connessi sulla stessa pagina, le chat di gruppo sono indispensabili per inviare richieste urgenti e per comunicare questioni che richiedono poco tempo.

Sebbene le chat di gruppo possano essere abilitate senza il Cloud, è opportuno considerare che ospitarle nel Cloud stabilirà un accesso più vasto su tutti i dispositivi. Con il Cloud, non devi preoccuparti se un server in sede sta funzionando o se i dipendenti stanno utilizzando il dispositivo giusto affinché i tuoi messaggi siano visualizzati.

2. Strumenti di project management

Hai mai guidato (o anche fatto parte di) un team di marketing che ogni giorno inizia a lavorare in ritardo, semplicemente perché i dipendenti devono chiedere personalmente su quali progetti devono lavorare quel giorno?

Uno scenario del genere è fastidiosamente comune. Tuttavia, il Cloud può risolvere facilmente questo problema con le taskboard e i grafici di gestione dei progetti. Mantenere aperte queste bacheche nel Cloud garantirà che siano accessibili e modificabili da tutti i membri rilevanti del tuo team. Inoltre, l’organizzazione di questi flussi di lavoro con il metodo Kanban garantirà a tutti di massimizzare la produttività della giornata.

An example Kanban board using the Cloud-based solution Jira.

Una scheda Kanban di esempio che utilizza la soluzione basata su cloud Jira.

L’utilizzo di questi sistemi di flusso di lavoro insieme ai sistemi di comunicazione ospitati nel Cloud combinerà anche l’aumento della produttività con i principali vantaggi collaborativi, in particolare una corrispondenza più rapida.

3. Condivisione di file

Per quanto riguarda lo scambio di informazioni, i sistemi di comunicazione Cloud sono una scelta fantastica per condividere file con i colleghi. In genere, queste soluzioni consentono di condividere file con chat di gruppo o anche durante chiamate vocali o video, combinando l’accessibilità con la collaborazione.

Oltre a fornire all’intero team un accesso uniforme, indipendentemente da dove le persone stiano lavorando, l’inserimento di questa funzione nel Cloud crea maggiore affidabilità, poiché un singolo guasto del server non impedirà ai tuoi colleghi di marketing di accedere a immagini, testi scritti o piani.

4. Videoconferenza

Ovviamente, riunioni regolari con l’intero team di marketing sono molto importanti per garantire che tutti comprendano la natura delle loro responsabilità. Con il Cloud, queste riunioni possono avvenire tramite video, coinvolgendo membri del team che lavorano da remoto o terzi secondo necessità.

Come con altri strumenti, la videoconferenza può essere eseguita con un sistema on-premise, ma bisogna tenere presente che l’utilizzo di questa soluzione tramite il Cloud consentirà una maggiore accessibilità e un failover migliorato per un funzionamento più affidabile.

Questi ultimi punti sono davvero importanti, perché le videoconferenze non devono essere utilizzate solo per il lavoro: altrettanto importante per gli sforzi di marketing è mantenere alto il morale del team con pause caffè virtuali o happy hour, dove i colleghi che lavorano da remoto o sono distanti possono connettersi con quelli che si trovano in un ufficio separato.

5. Dati condivisi

Naturalmente, il successo del marketing dipende da quanto si allinea con gli interessi e i desideri dei clienti reali. Ecco perché è molto importante confrontare gli sforzi di marketing con i dati reali raccolti dalla tua azienda o dalle aziende partner.

Il momento in cui entra in gioco il Cloud è durante la raccolta, l’elaborazione e la condivisione dei dati. Con un sistema di comunicazione basato su Cloud, i team della tua azienda possono raccogliere informazioni sulle loro chiamate ed email con i clienti, quindi assemblarle in un data lake condiviso. Da lì, le informazioni vengono elaborate da sistemi automatizzati e rese disponibili per l’analisi marketing.

Tutto ciò aiuta a garantire che quando allinei il tuo team di marketing, stai orientando tutti verso un piano condiviso ed efficace.

6. Scalabilità

Man mano che i tuoi sforzi di marketing diventano più efficaci, probabilmente assumerai nuovi dipendenti o soggetti terzi temporanei che desideri tenere aggiornati. Fortunatamente, il Cloud può adattarsi facilmente a questi cambiamenti.

Contrariamente all’installazione difficoltosa di dispositivi fisici e alla configurazione degli utenti, account dopo account, l’utilizzo del Cloud consente di aggiungere utenti a un’ampia gamma di strumenti in modo rapido e semplice. In questo modo, la onboarding avviene nella metà del tempo e il tuo team può dedicarsi ai piani di marketing e alla direzione, con un periodo di attesa inferiore e una confusione minima.

Cosa significa per il tuo team

Tutte queste funzionalità sono progettate per mantenere i team in costante contatto tra loro, sempre e ovunque. Soprattutto per i team di marketing, questo significa che non c’è motivo per cui qualcuno dovrebbe lavorare contro il posizionamento della tua azienda: con i membri del team sempre a portata di clic, i materiali possono essere sempre ricontrollati e le idee possono essere analizzate sempre come un gruppo.

Questa combinazione di zero tempi di inattività e di una collaborazione senza sforzo assicura che i tuoi sforzi di marketing siano effettivamente unificati, creando una maggiore capacità di aderire al posizionamento. Utilizzato al massimo delle sue capacità, il Cloud può essere davvero prezioso per garantire che il nome della tua azienda raggiunga la mente del cliente e vi rimanga.

Per ulteriori suggerimenti su come ottenere il massimo dai tuoi sforzi di marketing, iscriviti per ricevere gratuitamente la nostra rivista!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Superare le aspettative dei clienti con il Cloud

Exceeding Customer Expectations with the Cloud
Exceeding Customer Expectations with the Cloud

Utilizza la trasformazione digitale per allineare il tuo team e ottenere più vendite

Ovunque avvengano le vendite, diventa sempre più difficile per i rappresentanti di vendita far colpo sui potenziali acquirenti. Il motivo principale sono i canali di acquisto digitale: come sottolinea Gartner, l’aumento degli e-commerce e delle informazioni online significa che, ora, un acquirente tipico trascorre solo il 17% del proprio percorso cliente parlando effettivamente con i venditori.

Ciò lascia ai team di vendita il difficile compito di cercare di avere il più grande impatto positivo possibile con gli acquirenti e il più rapidamente possibile. Sebbene non si possa negare che soddisfare all’istante le aspettative spesso mutevoli di un cliente sia difficile, la buona notizia è che può almeno essere reso più semplice con la tecnologia Cloud.

Per capire perché, considera questo esempio.

Immagina di essere un rappresentante di vendita per un’azienda di produzione di sedie e di avere un lead molto promettente. Questo lead – diremo che è un’azienda chiamata “Jack Corp” – deve arredare il proprio ufficio con le sedie progettate dalla tua azienda. Hai già capito di quante sedie ha bisogno Jack Corp, quale design preferisce e altre informazioni di base (ma importanti).

Ma poi, proprio quando pensi che la vendita sia conclusa, Jack Corp ti fa una domanda tramite email: “È possibile colorare di rosso tutte le nostre sedie, per abbinarle al nostro nuovo ufficio?”

Dovrebbe essere una modifica semplice. Tuttavia, mentre ti affretti a rispondere alla domanda, non riesci a contattare nessuno che possa modificare l’ordine di vendita, stai provando a chiamare tutti nel tuo dipartimento ma risponde sempre la segreteria. Cambieresti il documento da solo, ma hai problemi a trovarlo tra i vari file del tuo laptop. E, sebbene tu possa contattare il team di ricerca e sviluppo, non conosci nessuno dei loro programmi e probabilmente passerai il resto della giornata a chiamare e trovare occupato. 

Alla fine, non hai modo di promettere a Jack Corp che riuscirai a realizzare la loro semplice richiesta. E, naturalmente, Jack Corp è deluso. Non ti reputa veloce e capace, non più. Ti reputa solo poco professionale e disorganizzato.

Allora, cosa avrebbe potuto salvare questa vendita? La risposta è, per cominciare, avere l’intero team sul Cloud.

Nel cloud, gli agenti di vendita hanno accesso a strumenti che unificano e semplificano il processo di collaborazione globale. Come sottolinea Forrester, la transizione al Cloud non riguarda il risparmio sui costi ma l’aumento dell’agilità e dei ricavi dell’azienda. Nello spazio delle comunicazioni, ciò si ottiene fornendo ai team soluzioni per la messaggistica in tempo reale, per gli avvisi e per la condivisione di file.

Ripensa alla nostra storia, ad esempio: supponiamo che, quando Jack Corp ti ha chiesto di colorare di rosso le sedie, tu avessi potuto vedere immediatamente la disponibilità di tutti i tuoi colleghi e avessi potuto lasciare un messaggio “chiamami” a chiunque non fosse disponibile. Supponiamo che avessi potuto inviare una richiesta urgente in una chat di gruppo o che avessi avuto accesso al file di vendita tramite un link che avevi condiviso internamente.

Alcune di queste misure, o tutte, sarebbero state un salvavita in una vendita come quella che abbiamo ipotizzato. Il motivo non è tanto la connettività, ma la flessibilità. Man mano che le esigenze dei clienti cambiano, i piani devono cambiare per stare al passo, provvedendo un’azione rapida oltre a una riflessione rapida, ed entrambe facilitano le comunicazioni nel Cloud, su un singolo PBX.

Questo per non parlare dei modi in cui il Cloud consente un maggiore accesso ai dati. Gartner prevede che, entro il 2025, ben l’80% di tutte le vendite B2B avverrà attraverso i canali digitali. Anche se ciò indica già la necessità di migliorare i fronti di vendita digitali per soddisfare i clienti, questo studio vuole dire che “una maggiore attività digitale e maggiori sistemi di archiviazione delle informazioni significano più dati e maggiori dettagli sul comportamento dei clienti e sui modelli di utilizzo dei prodotti”.

Quindi, supponiamo che mentre lavoravi a quella vendita con Jack Corp, tu abbia fatto di più che lavorare a stretto contatto con un team allineato. Supponiamo anche che il tuo team avesse condiviso i dati sui clienti molto prima che tu iniziassi a contrattare con Jack Corp e che grazie a quei dati tu abbia imparato ad aspettarti cambiamenti improvvisi nei dettagli estetici delle tue sedie.

Dettagli come questo, lungi dall’essere banali, sono i passi in avanti che mettono i team di vendita in vantaggio rispetto alla concorrenza. Questa preparazione, unita a una maggiore flessibilità complessiva, consente ai rappresentanti di avere un impatto positivo con i clienti, anche avendo sempre meno tempo per stupirli.

Quando si tratta di vendite, l’agilità e l’allineamento interno apportati dal Cloud sono ciò che indubbiamente aiuterà i venditori a fare affari. Certamente, la crescente concorrenza là fuori significa che le aspettative dei clienti stanno crescendo. Tuttavia, utilizzando al massimo le funzionalità comunicative del Cloud, i rappresentanti non solo possono soddisfare tali standard, ma possono essere pronti a superarli prima ancora che i clienti lo chiedano.

Per ulteriori suggerimenti sulla vendita con il Cloud, iscriviti per ricevere gratuitamente la nostra rivista!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Come dovrebbe essere una transizione alle comunicazioni Cloud?

What Should a Transition to Cloud Communications Look Like
What Should a Transition to Cloud Communications Look Like?

Pianificazione la tua migrazione in modo semplice

Spesso, un ostacolo alla pianificazione completa della trasformazione digitale è che la spiegazione di una transizione al Cloud è troppo astratta. Sebbene tu conosca la flessibilità e la redditività dell’utilizzo del Cloud, potrebbe non esserti chiaro come iniziare a tracciare il processo di migrazione in modo semplice.

Per risolvere questo problema, esaminiamo una semplice panoramica di come portare il tuo sistema di comunicazione nel Cloud e quali vantaggi dovresti aspettarti una volta completato il processo.

1. Metti a fuoco i tuoi obiettivi

I viaggi più fluidi iniziano con un’immagine chiara della destinazione e spostarsi sul Cloud non è diverso. Prima di iniziare a trasferire gli strumenti nel Cloud, o anche prima di iniziare a pianificare il trasferimento, dovresti innanzitutto considerare ciò che desideri in termini di risultati finali.

Ad esempio, stai cercando di migliorare la produttività? Ridurre i tempi di inattività complessivi? Quali strumenti di collaborazione stai già utilizzando e quali dovrai portare nel Cloud?

Anche se queste domande sembrano troppo scontate per dedicarci del tempo, è importante rispondere per poter realizzare i risultati desiderati.

Un’altra cosa da considerare: se scopri che ti mancano gli elementi di comunicazione che vorresti nel Cloud, ora è il momento di identificarli. È possibile aggiungerli dopo la migrazione, ovviamente, ma sarà più semplice farlo subito se sai già quali sono gli strumenti di cui hai bisogno.

2. Stabilire quali sono gli strumenti prioritari relativamente alla migrazione

Una volta che hai in mente il tuo obiettivo finale, puoi iniziare a sviluppare una tabella di marcia adeguata. Il primo passo in questo processo è definire le tue priorità, ovvero le prime soluzioni di collaborazione di cui avrai bisogno nel Cloud. 

Tieni presente che “primo” non significa “il più prezioso” o “lo strumento che utilizzerai più spesso”. Il punto di questa fase non è prevedere quale strumento sarà quello di maggior valore, ma gettare le basi della tua futura architettura Cloud. In genere, si tratta di dati di contatto, funzionalità VoIP e di videoconferenza, ma i casi possono differire da azienda ad azienda. La chiave è pensare a quali elementi della tua infrastruttura digitale sono indispensabili per le tue comunicazioni.

3. Valuta la tua rete e testa le opzioni

Portare quegli elementi di comunicazione iniziali nel Cloud significa che hai parzialmente configurato la tua rete, il che a sua volta significa che puoi iniziare a testare come funziona la tua rete Cloud.

Sebbene i test dovrebbero certamente comportare un’analisi generale della velocità e della stabilità complessive della rete, altrettanto importante è utilizzare gli strumenti effettivi che hai migrato nel Cloud. Qualsiasi funzionalità VoIP, video o persino chat dovrebbe essere provata in ambienti sandbox e in stati controllati, valutando quanti più scenari possibili durante il processo.

Quando esegui questi test, assicurati di prendere in considerazione anche la sicurezza della tua rete. Essere interamente nel cloud presenta rischi diversi per la privacy e la protezione dei dati rispetto a una configurazione on-prem o ibrida, quindi è fondamentale che questi elementi ricevano un’attenzione particolare quando si inizia a mettere insieme un’infrastruttura di comunicazione funzionale.

4. Applica (e coinvolgi tutti)

Ovviamente, l’obiettivo finale di qualsiasi transizione al Cloud dovrebbe essere quello di far sì che il maggior numero possibile di dipendenti utilizzi il sistema. Ma in pratica, per arrivare a ciò probabilmente sarà necessario un periodo di transizione. I professionisti avranno bisogno di un po’ di formazione prima di utilizzare correttamente la nuova rete e potrebbero anche aver bisogno di tempo per abituarsi mentalmente a lasciare la precedente configurazione on-prem o ibrida.

Per facilitare la onboarding, è fondamentale attendere che questo periodo di transizione si concluda: implementare la formazione necessaria e consentire il feedback dei dipendenti su come la rete sta funzionando. Così sarà più semplice implementare effettivamente ulteriori modifiche alla rete mentre si è ancora nelle prime fasi del lancio.

In ogni caso, tuttavia, sarà importante coinvolgere il maggior numero di dipendenti possibile, in modo che i risultati iniziali rappresentino un uso effettivo della rete.

5. Rimani costantemente aggiornato

Una volta che la tua struttura Cloud è stabile e tutti i dipendenti sono stati integrati, la parte più difficile della transizione è finita.

Ma questo non significa che dovresti smettere di pensare ai piani futuri per il Cloud.

Uno dei principali vantaggi di questa piattaforma è la sua scalabilità e facilità di aggiornamento e, di conseguenza, non bisogna pensare che i risultati della migrazione siano definitivi. Mentre continui a utilizzare la tua rete di comunicazione Cloud, controlla l’uscita di eventuali strumenti aggiuntivi o di eventuali aggiornamenti importanti per il tuo portfolio attuale.

Sebbene possano uscire solo più avanti, le nuove soluzioni potrebbero rendere il tuo investimento nel Cloud ancora più redditizio.

Per ulteriori suggerimenti su come migrare e utilizzare le comunicazioni Cloud, iscriviti per ricevere gratuitamente la nostra rivista!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...

Diventare più ecologici e lavorare in modo più intelligente

Going Greener and Working Smarter
Going Greener and Working Smarter

Cosa può fare lo smart working per il nostro pianeta

Uno dei vecchi modi di pensare al business che ci perseguita ancora oggi è la questione di come dovremmo interagire con l’ambiente durante la gestione di un’azienda. In passato, gli uomini d’affari lo consideravano un dilemma, credevamo di dover fare una scelta tra fare soldi o rispettare il pianeta.

Ebbene, che fosse vero o no prima, dobbiamo capire che non è affatto vero ora. E il motivo è semplice: ora è più facile che mai passare a un modello di business rispettoso dell’ambiente, tutto grazie allo smart working.

La questione si riduce ai viaggi, una delle principali cause dell’inquinamento. Con lo smart working, i dipendenti non devono più recarsi in ufficio, il che significa che la produzione di CO2 verrà ridotta in modo significativo. Indipendentemente dalle dimensioni della tua azienda, questo avrà un impatto significativo nel tempo: anche un solo dipendente che riduce i tempi di percorrenza da casa al lavoro finirà per emettere molta meno CO2 nel corso di un anno.

Ovviamente questo non è l’unico modo per ridurre l’impatto ambientale del viaggiare. Né è l’unico modo in cui lo smart working può contribuire ad un’azienda più green. Questo perché lavorare da remoto elimina la necessità dei viaggi di lavoro, così i tuoi dipendenti non devono più viaggiare in aereo per lavoro.

Ancora una volta, l’impatto può inizialmente sembrare minimo. Ma bisogna considerare che il 12 % di tutti i viaggi in aereo avviene per motivi di lavoro. Se riduciamo o addirittura eliminiamo questa necessità, l’impatto ambientale sarà significativo.

Queste idee non sono solo teoria. Da questo grafico, possiamo facilmente vedere cosa è successo in soli tre mesi, quando il pendolarismo nelle città è stato notevolmente ridotto durante il periodo di quarantena.

I risultati sono molto convincenti: abbiamo visto molto meno inquinamento atmosferico e molto meno smog nelle città. Tutto in soli tre mesi!

E per quanto tutto questo sia fantastico per il nostro pianeta, ricorda che meno viaggi non faranno bene solo al pianeta: in realtà, aiuteranno anche i tuoi dipendenti! (Riesci a mostrarmi molte persone che amano rimanere bloccate nel traffico un’ora ogni mattina e ogni sera della settimana lavorativa?) Quindi ecco come la tua azienda otterrà una maggiore produttività e ridurrà i costi, portando le riunioni in un ambiente virtuale.

Il punto di tutto questo è che la scelta non è più tra inquinare il pianeta o fare soldi. Ora è possibile fare entrambe le cose subito. E dato che iniziare è così facile, dovresti chiederti: cosa aspetti? Adesso è il momento perfetto per fare la differenza, sia per te che per la tua azienda.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...

Women in Tech: Kelly Hopp, Marketing Manager presso Altitude Communications

Kelly Hopp - Marketing Manager at Altitude Communications
Kelly Hopp - Marketing Manager at Altitude Communications

Nonostante i brand globali stiano dominando il settore delle telecomunicazioni in tutti i modi possibili, le piccole imprese hanno ancora spazio per raggiungere il successo nei rispettivi mercati. Questo è sicuramente ciò che Kelly Hopp ha imparato nei suoi 11 anni di lavoro presso Altitude Communications, un partner Wildix in Alberta, Canada.

In questa edizione di “Women in Tech”, Kelly ci ha raccontato cosa l’abbia portata alla sua posizione unica in Altitude e i risultati raggiunti nel suo ruolo.

 

Raggiungere Altitude

Forse ciò che meglio descrive la natura unica del lavoro di Kelly ad Altitude è il fatto che la sua esatta posizione sia difficile da definire.

“Il mio ruolo dipende dai giorni”, ha spiegato con una risata, “ma il mio titolo ufficiale è Marketing Manager”.

Nello specifico, questo significa che Kelly è responsabile di un’ampia gamma di compiti di leadership che spaziano dal marketing, alle vendite e alla gestione delle relazioni. Ciò include la supervisione del sito web di Altitude, la gestione dei partner e dei programmi di vendita interni, l’assistenza ai clienti e la conclusione di accordi di vendita.

È interessante notare che queste non erano responsabilità che Kelly si assunse immediatamente quando si unì ad Altitude, ma piuttosto posizioni di cui si occupava secondo necessità.

“Quando lavori per una piccola azienda, scopri che, per avere successo, devi svolgere diverse funzioni” ha detto. “Sono molto estroversa e ho sempre trovato molto naturale occuparmi di vendite e marketing, soprattutto per quanto riguarda gli aspetti relativi alle persone. È così che mi sono assunta la responsabilità del programma partner: noi, come team di gestione, abbiamo identificato la necessità di questo lavoro, ho subito pensato che fosse strategico, qualcosa che dovevamo sviluppare internamente”.

Il ruolo ampliato che Kelly ha iniziato a svolgere ad Altitude non è stato l’unica svolta inaspettata nel suo percorso lavorativo. In effetti, il suo ingresso nel settore delle telecomunicazioni è stato uno sviluppo non pianificato.

“Ho studiato arti grafiche e nel tempo mi sono interessata molto al marketing”, ha detto. “Telecom mi ha aperto le porte tramite il networking e ho iniziato in una delle principali società di telecomunicazioni canadesi. Ho maturato una grande esperienza in vari ruoli, assumendo infine una posizione di leadership. Poi ho capito che volevo qualcosa con maggiore flessibilità e creatività, qualcosa che sapevo avrei trovato in una start-up più piccola”.

 

Lavorare e crescere

Come ci si può aspettare da chi intraprenda un tale cambiamento nella propria carriera, Kelly vive di cambiamento. Soprattutto, è fondamentale rimanere al passo con le ultime tendenze tecnologiche, poiché ciò ha un impatto immediato nei suoi ruoli primari di vendita, marketing e gestione delle relazioni.

“Per essere presi sul serio in questo mondo e per avere effettivamente successo, bisogna essere informati sulla tecnologia”, ha sottolineato. “Ho fiducia nelle mie conoscenze tecniche e sono in grado di consigliare i clienti, poiché comprendo le loro esigenze. Personalmente penso che sia fondamentale capire le esigenze dei clienti e aiutarli a trovare le giuste soluzioni”.

Naturalmente, Kelly vuole anche approfondire la conoscenza delle competenze relativamente ai suoi ruoli immediati. Ma perseguire questa crescita non è stato privo di ostacoli.

“La cosa interessante del lavorare per una piccola impresa è assicurarsi di trovare ancora dei tutor”, ha spiegato. “Direi che è stato difficile per me, poiché non ho accesso al tutoraggio formale che le grandi aziende forniscono ai dipendenti. È un po’ diverso all’interno di una piccola azienda, dal momento che questo significa che devo essere creativa per assicurarmi di poter essere un tutor e nello stesso tempo avere accesso a dei tutor competenti”.

Fortunatamente, Kelly ha a disposizione un certo numero di questi tutor da cui imparare. Alla domanda su chi cerca per continuare a crescere professionalmente, ha risposto:

“Più donne di alto livello nel mondo aziendale. Sono stata davvero fortunata ad essere stata presentata a un paio di direttori e dirigenti di organizzazioni più grandi, che sono stati molto disponibili a condividere le loro conoscenze e informazioni sul processo di gestione delle persone.

“Cerco ispirazione anche nei podcast e nei libri aziendali. La mia scrittrice preferita è Brene Brown, ho letto molto del suo materiale e ho scoperto di poter integrare i miei insegnamenti nel mio lavoro”.

Kelly cita queste persone perché ritiene che le colleghe imprenditrici siano una fonte di ispirazione particolarmente significativa:

“Penso che sia importante per le donne essere in grado di sostenersi a vicenda mentre si cerca di raggiungere il successo nelle aziende high tech. Siamo ancora in inferiorità numerica e celebro ogni donna che fa la differenza con la tenacia e il duro lavoro. Ci sono molte donne davvero intelligenti e voglio che abbiano un’ottima carriera in questo settore”.

In un certo senso, Kelly vede qualcosa di personale in questo desiderio di far crescere altre donne, soprattutto mentre riflette sulla propria carriera.

“Se potessi guardare indietro nel tempo, penso che dire alla me stessa di 10 anni fa, ‘abbi fiducia in te e in quello che sei’, mi sarebbe stato davvero utile”, ha detto. “Impari tantissimo in dieci anni di lavoro e questo è stato sicuramente il decennio della fiducia in me stessa”.

Tuttavia, questo desiderio di ispirazione deriva anche da alcuni aspetti negativi che Kelly ha affrontato come donna nel campo della tecnologia.

“Come donna, in un settore dominato dagli uomini, sono fortunata a lavorare con ottimi colleghi e clienti di sesso maschile. Ma ci sono stati momenti nella mia carriera in cui è stato davvero difficile essere presa sul serio come avrei voluto”.

Anche superare questo atteggiamento non è sempre stato facile, ha spiegato:

“È l’equilibrio tra essere in grado di affermare sé stessi e spiegare il proprio valore, mantenendo allo stesso tempo professionalità e fiducia. Penso che possa essere difficile per le donne nel loro lavoro, specialmente nei ruoli di leadership, in cui cerchi costantemente l’equilibrio tra essere forte ma non aggressiva”.

 

Flessibilità

L’equilibrio nel suo ruolo è qualcosa che Kelly cerca di ottenere in modo simile attraverso lo smart working, anche se sottolinea che “equilibrio” non è la parola che le piace usare per inquadrare l’idea.

Ha infatti spiegato: “Una delle cose più importanti è quello che mi piace chiamare ‘flusso della vita lavorativa’. Perché ‘equilibrio’ è una parola divertente: non so cosa significhi per ogni singola persona. Mi piace l’idea che tu possa avere un ‘flusso’ nella tua vita, quando la tua famiglia ha bisogno di te, puoi dedicare più tempo a sostenerla, mentre quando sei molto impegnato al lavoro, puoi passare il tempo necessario a casa la sera lavorando.

“C’è un flusso nel modo in cui gestisci il tuo tempo”, ha sottolineato.” Sei costantemente alla ricerca di modi per far funzionare tutto”.

Il modello dello smart working, in particolare, l’ha aiutata a raggiungere questo flusso, così come il modo specifico in cui Altitude ha impostato il modello.

Ha dichiarato: “Lo smart working consente una notevole flessibilità, soprattutto quando si ha una cultura aziendale che promuove la fiducia. Noi di Altitude siamo sempre stati un’organizzazione molto flessibile e abbiamo sempre avuto la capacità di lavorare da casa. Una delle cose che preferivo fare, prima del Covid, era trascorrere mezza giornata in un bar, concentrandomi su un progetto particolare”.

Ovviamente, Kelly ha anche spiegato che per lavorare in modalità smart working sono necessari alcuni requisiti:

“Richiede molta fiducia e accesso agli strumenti giusti. Quando non si è tutti in uno spazio condiviso, bisogna essere in grado di scambiare messaggi istantanei, partecipare a una videochiamata per potersi vedere e, a volte, riunire tutti per fare una chiacchierata. Di questi tempi, tutto ciò deve accadere virtualmente e grazie a Dio abbiamo gli strumenti per farlo!”

Ma lo smart working per Altitude non si è tradotto solo in miglioramenti interni. Kelly l’ha anche descritto come un’opportunità significativa per la sua azienda:

“C’erano molti clienti importanti che dicevano ‘Il nostro piano di lavoro da remoto non è attivo e ora dobbiamo utilizzarlo, come facciamo?’ I nostri impegni sono aumentati notevolmente e abbiamo alcune storie di successo davvero sorprendenti, con aziende grandi e piccole che lavorano con noi per creare un ambiente di lavoro da remoto. Abbiamo letteralmente trasformato i sistemi in due giorni, oltre a formare persone per creare team che lavorino da casa”.

Wildix ha svolto un ruolo significativo in queste sfide lavorative.

“Come azienda, siamo stati davvero entusiasti del rapporto con Wildix e di Wildix come strumento di comunicazione unificata da vendere e supportare”, ha detto Kelly. “È stato fantastico e, in questi mesi impegnativi, lo abbiamo consigliato moltissimo perché è un ottimo strumento che consente lo smart working ovunque sia necessario. Anche dal punto di vista tecnologico, la possibilità di impostare tutto da remoto nel back-end è stata assolutamente fenomenale per Altitude. Ci ha fatto guadagnare moltissima fiducia da parte dei nostri clienti, perché siamo in grado aiutarli nella configurazione e assisterli molto rapidamente.

“Il fatto che l’azienda funzioni in modo affine alla nostra filosofia, cioè con flessibilità e con la capacità di adattamento secondo le esigenze del partner, ci semplifica tutto in modo significativo”, ha sottolineato.

 

Guardare avanti

In qualità di professionista nel settore tecnologico, Kelly naturalmente pensa anche al futuro dell’industria delle telecomunicazioni.

“Penso che, nel mondo della tecnologia, abbiamo sempre saputo che il cloud sarebbe arrivato in prima linea”, ha detto. “Altitude sostiene il mondo cloud da circa sette anni e gestisce ufficialmente i sistemi cloud da almeno cinque anni. Quindi, direi che la nostra azienda e la nostra personalità sono come quelle dei nuovi utenti: siamo sempre felici di provare nuove tecnologie!”

Per quanto riguarda il suo futuro, Kelly vede una carriera duratura in Altitude, anche se con maggiori responsabilità e aspetti di leadership.

“Guardo sempre avanti e mi diverto moltissimo durante il mio ‘flusso di vita lavorativa’ con Altitude, con i bambini piccoli e la situazione globale attuale” ha detto. “Vedo una crescita davvero entusiasmante per l’azienda nei prossimi anni e la mia visione è quella di avere un piccolo team di rappresentanti di vendita da gestire, un programma per i partner in esecuzione e l’azienda che cresce al giusto ritmo.

“È così che spero siano i prossimi due anni per me: abbiamo una bella storia da raccontare sulla crescita e il successo di questa piccola impresa. Posso dire di esserne stata parte integrante”.

Per altre straordinarie storie di tecnologia e business, iscriviti per ricevere gratuitamente la nostra rivista!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...