How to Conduct a Marketing Audit

7 consigli per condurre il tuo Marketing Audit

How to Conduct a Marketing Audit

Stabilire lo stato attuale del tuo marketing può sembrare un compito enorme e insormontabile, soprattutto se la tua azienda non ha nessuno dedicato a un ruolo di marketing. Allora che fare quando sai che devi fare qualcosa? Non temere, perché con questo semplice marketing audit sarai in grado di valutare il tuo impatto di marketing e come puoi creare un piano per un futuro di successo.

  1. Stabilisci i Tuoi Obiettivi

Una delle parti più importanti della creazione di un piano di marketing efficace è stabilire i tuoi obiettivi e ciò che vuoi ottenere attraverso le tue azioni. Come puoi trovare una strada per il successo se non sai nemmeno che aspetto ha il successo? Alex Chris, autore e Digital Marketing Consultant di reliablesoft.net, afferma: “Non annotare la tua strategia di web marketing, che include ciò che vuoi ottenere online e come farlo, è come guidare con gli occhi chiusi.” Puoi avere il sito web più elegante, spendere di più in post sui social media e inviare un milione di e-mail, ma tutto questo, se non hai un piano, non porterà a nulla.

  1. Valuta le Piattaforme Attuali

Non si tratta solo del sito Web, e-mail e siti di social media, ma di qualsiasi altro luogo, in cui la tua azienda potrebbe apparire online o offline, che porta il tuo nome. È importante essere scrupolosi durante questo primo passaggio. Potresti trovare qualsiasi cosa, dal nome della tua azienda, a un luogo, a forse un account Snapchat sfortunato che il tuo stagista ha creato due anni fa. Stabilire saldamente ogni modo in cui crei punti di contatto con i tuoi clienti al di fuori del tuo team di vendita deve essere incluso nel tuo media audit. Non puoi pianificare i tuoi passi per il futuro se non sai nemmeno da dove stai iniziando. Il primo passo dovrebbe essere abbastanza facile. Se non lo è, ecco un motivo in più per fare un controllo.

  1. Raccogli i Tuoi Dati

Il passaggio successivo consiste nel raccogliere quanti più dati e quante più statistiche possibili sulle tue piattaforme di marketing, in modo da poter valutare con precisione l’aspetto attuale delle tue capacità. Questo, ovviamente, sarà diverso per ogni piattaforma. Se stai conducendo una campagna e-mail, è importante esaminare da vicino le percentuali di consegna, apertura e clic. Questi numeri riguardano chi sta visualizza il tuo messaggio e se recepisce le informazioni. I tassi di consegna indicano che le tue e-mail vengono ricevute, ma se non vengono aperte, vuol dire che i tuoi clienti non si preoccupano nemmeno di aprirle o che il tuo messaggio viene inviato direttamente allo spam. Le percentuali di clic indicano che i tuoi clienti sono interessati a ciò che hai da dire e che hanno fatto il passo successivo, per saperne di più su ciò che offri o su ciò che la tua azienda fa.

Quando dai un’occhiata al tuo sito web, è imperativo che tu ti ponga alcune domande chiave. Quanti visitatori ha la tua pagina? Quanto tempo trascorrono sulla tua pagina? Quante volte fanno clic su pagine diverse? Questi numeri ti dicono quante persone ricevono il tuo messaggio, quanto tempo impiegano a recepire le tue informazioni e quante di loro fanno il passo successivo per saperne di più.

Per i social media, è importante avere un pensiero critico per immergerti nelle statistiche. Mi piace, follower e visualizzazioni sono tutti importanti, ma non sono i numeri più importanti. Quando si esaminano i punti statistici, è obbligatorio osservare le percentuali del proprio engagement. Se hai 1.000.000 di follower, 100 Mi piace su un post non sono così impressionanti. Ma se hai 1.000 follower, 100 suona molto meglio. Fortunatamente per te, la maggior parte dei tuoi siti avrà questi dati integrati. Ti diranno quando, dove, chi e quante persone guardano le tue piattaforme e quali sono le loro preferenze quando osservano i tuoi contenuti.

  1. Valuta l’infrastruttura

Ora che hai stabilito le tue piattaforme esistenti e le statistiche alla base delle tue prestazioni, il prossimo elemento da valutare è la tua infrastruttura. Innanzitutto, devi avere un sito web, che deve essere facile da navigare e deve funzionare rapidamente. Con rapidamente si intende che il 47% delle persone si aspetta che un sito web venga caricato in due secondi o meno. Inoltre, il 38% delle persone afferma di smettere di navigare su un sito se il layout non è attraente. Deve essere facile da usare, altrimenti i tuoi clienti passeranno a un sito più intuitivo.

Lo stesso vale per i social media: l’infrastruttura deve essere a posto. La struttura fondamentale deve essere quella di una pagina aziendale reale, non di un profilo personale ordinario. Inoltre, la presentazione della tua azienda online non può essere solamente il profilo LinkedIn del proprietario. Una persona non è l’intera azienda e il tuo marchio deve essere rappresentato nel suo insieme. Far sì che i tuoi dipendenti colleghino i loro profili alla pagina della tua azienda può essere estremamente utile in termini di diffusione della notorietà della tua azienda, ma la tua azienda deve essere rappresentata come un vero e proprio business.

Parte della valutazione di tale infrastruttura è assicurarsi che i profili dei social media siano completi. La tua pagina ha un’immagine del profilo e un’intestazione? C’è un link al tuo sito web? Gli orari d’ufficio e le informazioni aziendali sono facilmente disponibili? Sappiamo tutti che cercare qualcosa su Facebook non è esattamente come farlo su Google, ma se i tuoi clienti ti cercano in quello spazio è importante che la tua azienda abbia tutte le informazioni disponibili. Inoltre, più un profilo è completo, più è probabile che venga visualizzato in una ricerca.

Questa è davvero un’ottima opportunità per iniziare a creare un quadro delle esigenze infrastrutturali per il tuo futuro. Se hai valutato che il tuo sito web è buono e hai una solida presenza sui social media, ma carente nel reparto di e-mail marketing, prenditi del tempo per pensare a ciò di cui il tuo team ha bisogno e cosa vuole da un sistema. Qualcosa di semplice che chiunque nella tua squadra può usare? Qualcosa di più approfondito, che puoi costruire nel tempo? Con degli obiettivi finali in mente, puoi davvero iniziare a definire quale tipo di infrastruttura futura potrebbe essere adatta alla tua azienda.

  1. Analizza Integrazioni e Conversioni

Una volta che le tue piattaforme di marketing sono state stabilite, che hai una buona idea di cosa sta succedendo con i tuoi consumatori su quei siti e l’infrastruttura è stata valutata, è tempo di dare un’occhiata alle tue integrazioni e conversioni. È fondamentale che tutte le tue piattaforme di marketing siano completamente integrate tra loro a livello di marketing. Assicurandoti che questi siti siano collegati tra loro, contribuisci a spostare i tuoi clienti sulla piattaforma in cui è più probabile che tu possa contattarli e concludere la vendita. Se le persone ti trovano sui social media, c’è un modo per portarle sul tuo sito web? Le persone possono fare clic sulle tue e-mail per saperne di più sulle tue landing page? Se le tue piattaforme di marketing sono collegate ma si limitano a girare insieme in un cerchio 2D, invece di guidare i tuoi potenziali clienti lungo un imbuto 3D, non ne trarrai molto vantaggio. I tuoi punti di marketing devono collaborare tutti per aiutarti a convertire potenziali clienti in clienti reali, altrimenti non ha senso. Collegare le cose crea un ecosistema digitale e un percorso per il cliente.

  1. Pianifica il Futuro

Poiché hai già definito l’ambito del tuo progetto, i budget, le tempistiche, ecc., puoi prendere tutte le informazioni che hai raccolto e iniziare a fare un piano per il futuro. È fondamentale rimanere saldamente entro limiti realistici per il tuo team. Se devi lottare per pubblicare sui social media anche una volta al mese, farlo ogni giorno sarà probabilmente impossibile. Prova a pensare a come pubblicare una o due volte alla settimana, finché non sei davvero entrato nel vivo delle cose. Se non hai il tempo o il budget per un’intera revisione del tuo sito web, aggiorna alcuni grafici o rendi le tue pagine più facili da navigare. Questi cambiamenti di marketing non devono essere un intero rinnovamento per la tua azienda, ma un processo in continua evoluzione.

È importante sottolineare che la qualità è la tua migliore amica. Sì, i video sono fondamentali in questo momento, ma nessuno vuole guardare un video traballante sull’iPhone. Prenditi seriamente del tempo per pensare bene a come vuoi che sia il tuo futuro marketing, a come puoi renderlo rappresentativo della tua azienda e mantenerlo professionale. La creazione e la cura dei contenuti è una parte davvero significativa di questo passaggio perché, come detto in precedenza relativamente al web design, la prima impressione che ha il tuo cliente può portarlo a navigare più in profondità nel tuo funnel di vendita o abbandonare completamente. Se la creazione di tutto questo contenuto è troppo impegnativa per il tuo team o se semplicemente non hai le risorse a portata di mano, considera di esternalizzare il lavoro di marketing.

  1. Studia e Ripeti

Il passaggio finale di questo audit è apportare le modifiche, studiare i risultati, sfoltire e ripetere. Poiché hai avuto un piano sin dall’inizio, sarai in grado di valutare con precisione se le tue azioni fino ad ora ti hanno portato dove volevi essere. Gli strumenti forniti dalle tue piattaforme ti aiuteranno a misurare le informazioni relative a come le persone assorbono ciò che stai pubblicando. Dopo un mese, tre mesi o anche sei mesi, ricomincia dall’inizio questo audit e fai un confronto con il primo. Cosa funziona meglio del previsto? Cosa peggio? Come puoi trovare una soluzione per migliorare ulteriormente il tuo marketing?

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Social Sharing
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •