Social Selling: vendere nell’era digitale con LinkedIn. Come e perchè utilizzare LinkedIn per raggiungere gli obiettivi di vendita.

Sfatiamo subito un mito: con LinkedIn non si vende.

O meglio: non basta LinkedIn per vendere.

Nell’ultimo periodo, un po’ in tutta Europa, si parla spesso di Social Selling, soprattutto facendo riferimento a LinkedIn, in primis, e a Twitter.

Il termine Social unito al termine Selling ha fatto storcere il naso a tante persone, soprattutto a quei venditori tradizionali, bravissimi nel loro mestiere ed un po’ restii alle novità, a cui spesso ho sentito dire “Non ho tempo da perdere con i Social Network”.

C’è poi una seconda categoria, i venditori più aperti alle novità, più inclini al digitale – forse per cultura, o semplicemente per un fatto anagrafico – che vogliono scoprire questi nuovi mondi queste nuove tecniche e strategie per vendere di più.

Ma con LinkedIn non si vende. O meglio: non basta LinkedIn per vendere.

Il punto è questo: LinkedIn è uno strumento potentissimo che permette a tutti noi di entrare in contatto e creare relazioni con un enorme quantità di professionisti di ogni parte del Mondo. Ma scordiamoci di contattare un potenziale cliente ‘a freddo’ proponendo un nostro servizio/prodotto: l’effetto sarà esattamente l’opposto, questa persona molto probabilmente non accetterà il nostro invito, e si ricorderà di noi. Bisogna cambiare il punto di vista: siamo nel mondo Digitale, e anche se non ci son regole scientifiche, ci sono alcuni aspetti da tenere in considerazione.

E’ bene diffidare da quelle persone che condividono ‘trucchi’ per fare Social Selling.

La realtà è che non ci sono regole fisse e certe da seguire, ma bisogna imparare un nuovo metodo.

Lo dico usando in primis me stessa come esempio.

Io ho sempre trovato opportunità di lavoro e potenziali clienti grazie a LinkedIn, da circa 5 anni a questa parte.

Soprattutto all’inizio, è stato un lavoro duro e lungo, di relazioni e fiducia da costruire, di Personal Branding, di formazione, di approfondimento, di scoperta, di curiosità. Anche perché io non sono venditrice, quindi per me è stato tutto particolarmente in salita.

Per una figura Sales, o commerciale che dir si voglia, è esattamente il contrario. E’ una persona con grandi competenze di prevendita e vendita, tanti anni di esperienza alle spalle, una professionalità invidiabile.

E ora? Ora si tratta di t*radurre tutte queste competenze nel mondo digitale*. Non sarà facile, ma neanche impossibile: ho seguito e lavorato con tanti venditori e consulenti, italiani e internazionali, e le soddisfazioni reciproche sono state davvero tante.

Si tratta di aver voglia di imparare, di mettersi in gioco, di cambiare mentalità e di continuare a ricordarsi che LinkedIn non andrà a sostituire le attività portate avanti fino ad oggi, ma bensì è un canale in più, un ulteriore (e potentissimo) mezzo per poter trovare, contattare ed incontrare un potenziale cliente, o collaboratore.

Con LinkedIn non si vende, quindi. O meglio: non basta LinkedIn per vendere.

Detto in altre parole: potremmo essere i più esperti utenti di LinkedIn, ed avere tutte le piattaforme a pagamento del mondo. Ma se non si cambia mentalità, e non ci si mette in gioco, LinkedIn non vi servirà a nulla.

Parleremo anche di questo nella prossima edizione di UNICOMM, che si terrà a Barcellona dal 13 al 15 maggio 2019; come ha infatti ricordato Cristiano Bellumat – il creatore di UNICOMM – “le competenze del passato non generano ricchezza nel futuro”.

Clicca qui per avere maggiori informazioni e per iscriverti: https://www.unicomm.training/

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 4,67 out of 5)
Loading...
Social Sharing
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *