Smart working e maternità

Tecnologia e famiglie: diventare genitori e fare carriera è possibile

L’intervista a Daria Koval, Purchasing Manager di Wildix

Smart working e maternità

L’età della prima gravidanza è ormai in aumento da molti anni. Oggi, secondo Eurostat, le donne in Europa danno alla luce il loro primo figlio all’età di 30,7 anni, quattro anni più tardi rispetto a 30 anni fa.

Il principale fattore alla base di questo cambiamento è che le donne vogliono fare progressi nella propria carriera prima di iniziare la maternità.

Oggi la tecnologia consente alle donne di portare avanti entrambi i ruoli, ma le idee arcaiche profondamente radicate nel pensiero collettivo continuano a indurre le donne a credere di dover scegliere tra carriera e maternità.

Abbiamo intervistato Daria Koval, Purchasing Manager di Wildix e madre di Olivia che, al momento dell’intervista, aveva 2 mesi.

Responsabile dell’inventario, dei fornitori e della qualità dei prodotti in tutto il mondo, Daria Koval occupa una posizione strategica all’interno dell’azienda. Responsabilità che l’hanno portata a fare frequenti viaggi in Cina per tenere d’occhio la catena di produzione, supervisionare la qualità ma anche monitorare gli sviluppi tecnologici al fine di acquisire nuovi prodotti. Viaggi che l’hanno spinta a ritardare l’inizio di un progetto personale: avere un figlio.

Arrivata in azienda all’età di 20 anni e dopo 13 anni dedicati alla sua carriera e alla sua evoluzione all’interno dello sfidante Telecom di Wildix, Daria si è resa conto che era arrivato il momento di avere un bambino e che non poteva più rimandare questo progetto: “La cosa più importante è che non ho dovuto scegliere tra la mia carriera e avere un bambino. Sapevo che, in ogni caso, la compagnia mi avrebbe supportato. Quindi sapevo di poter essere una madre ma anche Responsabile degli acquisti. Dovevo solo essere pronta per questa nuova avventura e soprattutto organizzarmi bene, perché era fuori questione fare delle concessioni, né sulla mia carriera né sul mio ruolo di madre.”

Una gravidanza produttiva 

È un’idea comune ritenere che, in tutti i casi, la gravidanza e i primi mesi di vita del bambino siano difficili e abbiano un impatto negativo sulla produttività del dipendente. Daria racconta: “Ho lavorato per 8 mesi all’ufficio di Tallinn, fortunatamente non ho avuto problemi durante la mia gravidanza. Sono stata in grado di andare in ufficio ogni giorno. Ho viaggiato in Cina e a Barcellona per lavoro. Solo l’ultimo mese ha richiesto qualche modifica. Mi stancavo spesso e avevo bisogno di pause e cambi di posizione più frequenti, oltre a supporti più comodi. Quindi, ho iniziato a lavorare da casa solo dal nono mese. Era fisicamente più semplice. Potevo trovare una posizione comoda e usare la mia pancia per appoggiare il computer e lavorare dalla sedia. Mi ha aiutato molto.”

Un parto senza problemi, un ritorno graduale e rapido al lavoro.

Daria spiega di aver partorito domenica e di aver lavorato il giorno prima da casa. “4 giorni dopo il parto, quando sono tornata a casa, ho acceso il computer e ho iniziato a rispondere alle prime e-mail. Il resto della settimana, lavoravo già 2 o 3 ore al giorno. In due mesi ero tornata a gestire il 100% del mio lavoro.”

Essere madre e lavorare: un’opzione? 

Mentre in molti paesi le donne possono usufruire di un congedo di maternità che va dalle 12 alle 52 settimane, i nostri intervistati sono unanimi. Prendersi cura di un bambino appena nato è magico e allo stesso tempo, se è l’unica attività che si fa, può diventare rapidamente noioso, ripetitivo e faticoso.

Daria Kova spiega: “È importante sapere che prendersi cura di un bambino sano significa limitarsi a dargli da mangiare, fargli fare il ruttino e cambiare il pannolino. Un neonato dorme tra le 16 e le 20 ore al giorno, quindi passa la maggior parte del giorno a dormire. Questo è un contrasto con cui una donna attiva potrebbe trovarsi ad avere qualche difficoltà. Sono fortunata perché la mia azienda mi ha fornito gli strumenti che mi hanno permesso di tenermi impegnata a lavorare da casa, ma soprattutto di non sentirmi esclusa. Il sistema UCC mi consente di rimanere in contatto con centinaia di dipendenti della mia azienda e con i miei fornitori di servizi. Posso così mettere il mio tempo libero da giovane madre a disposizione dell’azienda e di ciò che ho costruito durante i miei anni di carriera. ”

Daria racconta: “Il momento dell’allattamento si è rivelato, con mia grande sorpresa, un momento tranquillo in cui posso effettuare le mie chiamate. Olivia non piange e ho una mano libera. ”

Anche se le mamme adorano questi primi momenti, tutte ci confidano senza eccezione che nelle prime settimane, se si trascorrono le giornate unicamente a prendersi cura del bambino, la noia fa presto a farsi sentire. Le interazioni con un neonato sono limitate. Quindi, avere la possibilità di tornare gradualmente al lavoro diventa un’esigenza.

Il ritmo è ciclico e sicuramente a singhiozzo, a causa dei pisolini del bambino, ma Daria, come Nathalie (che scoprirete nel nostro prossimo numero), ha riacquistato il 100% della sua attività dopo 2 settimane di adattamento e modificando la sua organizzazione del tempo.

Daria Koval spiega: “Allatto la mia bambina ogni 2-3 ore, che poi dorme per 2-3 ore. Quindi, posso dedicare questo tempo al lavoro e rispondere alle chiamate, alle mie e-mail, effettuare chiamate in conferenza. Non ho un programma predefinito e l’azienda è flessibile sui programmi. Quindi, posso gestire il mio tempo e ricevere una chiamata dall’Asia alle 20:00, rispondere alle e-mail alle 6 del mattino e non essere disponibile a mezzogiorno perché sto allattando. La cosa importante è che il lavoro sia fatto, che la mia produttività sia gestita al 100% semplicemente ad un ritmo adattato alla bambina. Tutti sono felici, mia figlia è sana e ha l’attenzione di sua madre e, allo stesso tempo, l’azienda non ne risente. Non avrebbe risentito di più di costi e tempi per la formazione di un sostituto? Grazie alla tecnologia, essere in grado di portare avanti questi due ruoli mi ha fatto sentire felice e completa. Sono produttiva in entrambi i campi. Al lavoro, posso gestire il mio team, supervisionare il loro lavoro. Ma sono produttiva anche a casa e posso vedere i primi sorrisi e i movimenti di mia figlia. Ha iniziato a prendermi per mano, facendo dei piccoli versi. So che alcune donne devono ricorrere a babysitter, ad asili nido o alle loro famiglie per prendersi cura dei propri figli. Io non devo fare questa scelta. Non ho bisogno di delegare l’apprendimento e le esigenze di mia figlia a terzi. Non sono frustrata. ”

“È un’opportunità. Posso prendermi cura di mia figlia e la mia carriera non soffre della mia maternità e viceversa. Sono una madre e una Purchasing Manager. ”

Il consiglio di Daria alle aziende:

“Il mio consiglio è che le aziende forniscano gli strumenti e godano dei vantaggi delle comunicazioni unificate, il che limiterebbe la preoccupazione delle donne di avere una carriera e un figlio. Perché alla fine, una donna a cui viene data la possibilità di avere entrambi, farà il necessario per essere felice e dare il meglio di sé e contribuire al successo dell’azienda che le dà i mezzi per crescere suo figlio. È un circolo virtuoso per l’azienda e per il dipendente. Il futuro è già qui e le aziende dovrebbero cogliere questa opportunità “.

Il 25% dello staff salariale di Wildix è costituito da donne di età inferiore ai 30 anni. L’80% di queste donne non ha ancora figli.
Steve Osler, CEO di Wildix, commenta:

“Alla gente piace lavorare e le madri non fanno eccezione. Costringere una neomamma a rinunciare a tutte le sue interazioni sociali al lavoro solo perché è incinta è sessista e arcaico. La decisione finale su quando avere un bambino e su come condurre una vita dopo il parto non dovrebbe essere dettata dall’azienda per cui lavora o dalla società. Naturalmente, questo non è possibile per tutti i luoghi di lavoro, ma non dovrebbe essere un problema per il lavoro d’ufficio. La possibilità di lavorare da casa, con i figli, è consentita perfettamente dalla tecnologia moderna e deve essere pienamente utilizzata per raggiungere un migliore equilibrio tra vita personale e professionale. Wildix rappresenta la libertà delle donne di decidere se e quando avere un bambino, senza che ciò influisca negativamente sulla loro carriera.”

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Social Sharing
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.