Cosa evitare quando si gestisce un conflitto sul luogo di lavoro

 E quali sono invece le strategie da mettere in atto

Non c’è niente di divertente in un litigio sul luogo di lavoro. Tensione, toni alti — questi problemi persistono anche successivamente al momento in cui si sono presentati, trascinandosi nella giornata lavorativa e spezzando qualsiasi senso di unità aziendale.

E per quanto grave possa essere lo scontro, una cattiva gestione dei conflitti non farà che peggiorare le cose. Se gestiti in modo improprio, i tentativi di mediazione possono finire per alimentare la discussione che hai cercato di placare. Una parte potrebbe sentirsi ingiustamente attaccata. L’altra potrebbe non vedere alcun motivo per cambiare il proprio comportamento.

Per evitare questo risultato e mantenere un senso di unità sul posto di lavoro, ti consigliamo di evitare questi errori nel cercare di gestire un litigio.

Non schierarsi

Quando si cerca di risolvere il litigio, è necessario agire come arbitro, non come partecipante. Anche se una parte appare chiaramente in torto, mostrare sostegno a quella parte confonderà il tuo tentativo, apparendo come parzialità. Ciò causa lamentele della parte favorita e scoraggia l’impiegato sfavorito.

Per evitare una situazione di questo tipo, fai in modo che entrambi spieghino chiaramente, con calma e in modo conciso il loro punto di vista. Dai a ciascuno il tempo per descrivere la propria opinione su come sono andate le cose. È particolarmente utile incoraggiarli a parlare di sé (ad esempio, “io trovo difficile fare il mio lavoro quando …”) piuttosto che concentrarsi sull’altra persona.

Non aver fretta di trovare una soluzione

Lasciare le parti fondamentali di un problema irrisolte non aiuta nessuno. Per quanto dire ai colleghi che litigano di lasciar perdere e scusarsi possa essere allettante, farlo li lascerà con la sensazione di non aver risolto il problema.  E se non si arriva al nocciolo della questione, il problema si ripresenterà nuovamente.

Per un risultato concreto, cerca di mediare in modo da aiutare i colleghi a discutere la causa del loro litigio. Potrebbe trattarsi semplicemente di un problema isolato. Inoltre, potrebbe derivare da un modello di azioni e comportamenti. Indipendentemente da ciò, per essere sicuri che il litigio venga risolto, è necessario identificare la causa che effettivamente si nasconde dietro la discussione.

Non prendere decisioni arbitrarie

Mentre si cerca di risolvere il litigio, rendere frustrati i colleghi è come versare benzina sul fuoco; perché questi, già irritati dalla discussione stessa, saranno ancora più esasperati se avranno la sensazione di essere trattati ingiustamente.

In pratica, significa che le decisioni prese mentre si cerca di risolvere un litigio non possono essere viste come infondate. Ad esempio, se interrompi un dipendente, probabilmente avrà la sensazione che ti stai schierando contro di lui. Allo stesso modo, se scoraggi un partecipante dal fare accuse solo dopo che è stato usato un linguaggio provocatorio, potresti provocare la sua aggressività.

Per creare un senso di equità, è necessario iniziare stabilendo regole di base. Prima che entrambe le parti inizino a parlare, dovrebbero già sapere quale comportamento è previsto e cosa invece non è accettabile. Anche se questo potrebbe non garantire una completa educazione, impostare in anticipo le condizioni del chiarimento contribuirà a garantire che i passi che intraprendi come mediatore siano considerati coerenti.

Quando quel senso di coerenza viene associato a correttezza, accuratezza e ad un ambiente di rispetto reciproco, il risultato è la vera risoluzione delle controversie.

Per ulteriori suggerimenti sulla gestione della vita in ufficio e sull’implementazione del software, iscriviti per ricevere gratuitamente il Wildix Magazine!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Social Sharing
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.