Ecco il Vampire Vendor: il nuovo nemico del MSP e come sconfiggerlo

The MSP’s New Enemy and How to Beat Them

Il nuovo nemico del MSP e come sconfiggerlo

Per il MSP di oggi, la strada per il successo è lunga e tortuosa, piena di autostoppisti sospetti pronti a derubarti appena li fai entrare in auto.

Non è la prima volta che lo dico. Il team Wildix ed io abbiamo parlato molto dei “nemici” sul mercato, concorrenti dei Partner e di Wildix stesso.

Sorprendentemente, questi volti familiari e spiacevoli sono ancora in giro, pronti a infastidirci: ci sono i vecchi ed obsoleti Walking Dead Vendors, il giovane e mal gestito VoIPTruz, ed i giganteschi, ma altrettanto insignificanti, Carriers.

Cos’altro possiamo dire di questi vecchi nemici? I partner Wildix hanno già dimostrato di poterli battere. Ecco perché le entrate mensili ricorrenti (MRR) di Wildix sono cresciute del 274% nel 2019 rispetto al 2018.

Ma la cattiva notizia è che c’è un nuovo nemico nel mercato che vuole fermare questa crescita.

A differenza di altri concorrenti, questa minaccia è direzionata solo verso i Partner. Non è qui per rubarti da noi perché il suo vero obiettivo è quello di eliminare chiunque ci sia da tramite vendendo soluzioni VoIP direttamente agli utenti finali.

Questa nuova nemesi è il Vampire Vendor: un nemico che adesca il cliente con la promessa di margini elevati, quindi prosciuga il “sangue vitale” della tua azienda rubando la tua base di clienti.

Una questione di percezione

Ormai i Vampire Vendors sono spuntati ovunque. Ma c’è qualcosa di strano nella crescita della loro popolarità: non è grazie ad un prodotto qualitativamente superiore. (Di solito, tutta la loro tecnologia è pura spazzatura Asterisk di terze parti).

Bensì, la loro popolarità deriva interamente dal potere del loro marchio.

In realtà, il vantaggio dei Vampire Vendor non è che siano realmente più forti, ma che ai tuoi clienti sembrano più forti. Grazie alle campagne pubblicitarie e all’enorme presenza sul mercato, i tuoi clienti li vedono come una soluzione internazionale affidabile, sia per il presente che per il futuro.

Nel frattempo, questi stessi clienti vedono il Partner Wildix come piccolo e quindi meno affidabile, anche se non è affatto vero!

Colpirli al cuore della questione

Per battere i vampiri, devi giocare il loro gioco: devi sfruttare il marchio Wildix.

E credimi, farlo è molto più facile di quanto pensi.

La verità è che il marchio Wildix ha una presenza maggiore sul mercato rispetto a qualsiasi altro Vampire Vendor. La loro azienda più grossa ha comunque meno di 5.000 dipendenti e copre meno di 80 paesi; Wildix e le nostre aziende Partner hanno un ecosistema globale di oltre 10.000 membri e con Classound copriamo oltre 133 paesi.

Questa informazione è preziosa nella mente del cliente perché, ad oggi, si aspettano la sicurezza di un potente marchio globale. Vogliono solo fare affari con aziende dalle quali pensano di poter continuare ad acquistare certi servizi anche in futuro.

Quindi, per battere questa congregazione internazionale di Vampire Vendor, dobbiamo unificarci e presentarci per quello che siamo veramente: un’organizzazione mondiale di professionisti uniti sotto un unico marchio, Wildix.

È solo unendo le forze con le nostre che puoi diventare più grande nella mente del cliente. Questo è il punto sul quale i Partner di Wildix devono marciare: fanno tutti parte dell’ecosistema Blu, la più fenomenale rete di professionisti di UC nel mercato odierno; non sono solo “John Doe, il rivenditore locale”, sono Wildix, la grande e potente rete mondiale UCC.

Quindi, d’ora in avanti, quando un Partner affronta qualsiasi nemico, quello che voglio che dicano è: “IO SONO WILDIX!”

Perché quel messaggio, ed i benefici che ne derivano, sono tanto efficaci quanto un paletto dritto nel cuore di un Vampire Vendor!

Per restare aggiornato sulle ultime tendenze del mercato, iscriviti per ricevere gratuitamente una copia di Wildix Magazine!

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...
Social Sharing
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *