Constant Disruption and Partners as the Solution

Una Disruption costante e i Partner come soluzione

Due chiacchiere con Robert Cooper, General Manager Wildix US

Constant Disruption and Partners as the Solution

Immagina di aver appena vissuto un forte terremoto. Hai passato minuti a guardare le pareti tremare e gli edifici ondeggiare, il tutto mentre cercavi di mantenere il piede su un pavimento che scosso da una forza enorme e inarrestabile.

Ma, presto, il disastro passa. Sei ancora tutto intero. Non solo, la tua casa è ancora in piedi.

La domanda è: ora sei soddisfatto della stabilità che hai? O decidi di munirti di una conoscenza maggiore per superare il prossimo terremoto?

Se chiedi a Robert Cooper, General manager Wildix US, prepararsi a una disruption non significa semplicemente fare affidamento su ciò che hai ora, o anche su ciò che ti aspetti di avere.

“Il concetto di disruption digitale”, afferma, “non riguarda solo la tecnologia”.

Piuttosto, si tratta di abbracciare una mentalità che può prepararsi attivamente ai futuri cambiamenti.

Questo perché, secondo Cooper, la Digital Disruption è tutt’altro che una scossa una tantum.

“La disruption è la nuova normalità”, afferma. “E per capitalizzare davvero su questa, devi anche avere un’organizzazione di apprendimento.”

Per Cooper, la transizione delle organizzazioni in quello stato di costante apprendimento è una parte essenziale del valore che Wildix presenta. Questo, infatti, offre ai partner qualcosa di più di una semplice nuova tecnologia; consente loro di agire come consulenti IT di fiducia per l’utente finale.

“Wildix ritiene che quella voce consultiva per il cliente sia importante”, spiega Cooper. “Perché il nostro prodotto, la nostra piattaforma e la nostra soluzione tecnologica offrono molto valore. E hai davvero bisogno di sapere come collegare tutti i componenti di quel valore.

“Il partner è la persona che dovrebbe essere al posto di guida per farlo”, sottolinea.

Ma Cooper sottolinea anche che l’impegno è necessario per questa transizione.

“La parte in cui non possiamo aiutarti è l’impegno”, afferma. “Sappiamo che possiamo aiutarti a far crescere la tua attività. Ma deve esserci qualcosa che vuoi fare”.

Questa incapacità di impegnarsi a cambiare è una mentalità così pervasiva, che Cooper usa una terminologia specifica per questo.

“Piuttosto che trasferirsi e impegnarsi”, dice, “vedi quello che chiamiamo ‘inerzia attiva’. E l’inerzia attiva è, beh, ‘ho fatto qualcosa e almeno sto facendo un po ‘di qualcosa e quindi dovrebbe essere sufficiente”.

“Ma nel mondo delle interruzioni digitali”, continua, “l’inerzia attiva è un killer. Non è abbastanza, perché l’industria cambia troppo in fretta. Anche se pensi di muoverti, non ti stai muovendo abbastanza velocemente e sarai ancora investito dall’ondata. ”

Per prepararsi a quell’ondata, Cooper ritiene che le organizzazioni debbano essere proattive nel farsi parte del valore che vendono ai clienti.

“Il cliente non sta semplicemente acquistando la tecnologia”, sottolinea. “Ti sta comprando. Sei parte del valore.”

Il VAR che vincerà un giorno è quello che dice: ” Fammi capire cosa vuoi fare per la tua attività. Lascia che ti aiuti a utilizzare, distribuire e gestire queste tecnologie in modo da raggiungere questi obiettivi. ”

Secondo Cooper, tuttavia, è tanto importante quanto abbracciare questo ruolo ed essere sempre in grado di adattarsi a quel mercato in evoluzione.

“Fintanto che terrai la posizione concentrata e proattiva di abbracciare il cambiamento e andare avanti”, dice, “sarai sempre in grado di adattarti a ciò che sarà, non rimanendo sempre ancorato a quello che è stato”.

Con una mentalità del genere, puoi contare su una vita confortevole, indipendentemente dalla potenza di un terremoto.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Social Sharing
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *