Vedo i miei collaboratori alle loro scrivanie, e dormo sonni tranquilli

Nel 2020, la pandemia di Covid-19 ha inevitabilmente costretto tutti a rivedere i propri modi di lavorare. Questo è un dato di fatto.

Una nuova normalità si sta affacciando in tutto il mondo, senza distinzioni geografiche o di settore.

Se prima il concetto di Smart Working era collegato più che altro a quelle aziende innovative che offrivano grandi benefit per i propri dipendenti, ora anche le Aziende più tradizionali e restie al tema hanno dovuto – per forza di cose – adattarsi a questo nuovo modello.

Ormai sono mesi che sentiamo parlare, un po’ ovunque, di Smart Working – persino a livello politico

 

Smart Working significa, letteralmente, Lavoro Intelligente – ovvero basato su obiettivi e fiducia. Niente cartellini da timbrare, o Manager che controllino che i loro dipendenti siano seduti alle proprie scrivanie perchè, tanto, non mi interessa dove sei, io di te mi fido e so che porterai a termine i tuoi progetti. Lo Smart Working non è semplicemente il poter lavorare dalla propria cucina durante un periodo di lockdown: è una filosofia di lavoro e di gestione dei propri team e colleghi.

 

Molte aziende stanno dimostrando di non essere pronte allo Smart Working: continuano a controllare i propri dipendenti anche a distanza, generando volutamente una certa atmosfera di terrore e ribadendo – inconsciamente o ad alta voce – che comunque sia, lavorare da casa non vuol dire proprio lavorare, diciamocelo. Perchè io lo so che guardano Netflix e non lavorano. 

 

E ogni volta che sento queste frasi, devo ammettere che mi viene da sorridere.

 

Primo, perchè conosco tante persone che in ufficio scaldano la sedia, e che svoltano la giornata utilizzando Whatsapp sul PC (così sembra che lavoro, capito che mossa?).

Secondo, perchè sono una Smart Worker da più di 5 anni, dopo aver passato 5 anni in ufficio timbrando il cartellino, e non ho nessun dubbio su quanto la mia produttività sia nettamente aumentata.

Terzo, perché se non ti fidi dei tuoi collaboratori, non importa dove siano fisicamente, ti daranno sempre il minimo e troveranno sempre escamotage per tirare le 18.00.

Quarto, perchè ormai questo tema non è più solo un’opinione di alcuni, ma ci sono diversi studi che dimostrano che lo Smart Working sia LA modalità di lavoro da applicare. asti pensare alle previsioni di Gartner, secondo cui la rivoluzione del mondo del lavoro causata dal coronavirus è destinata a diventare trend stabile anche dopo l’emergenza: a livello globale, infatti, entro il 2024, il 30% degli impiegati in ufficio lavorerà parzialmente o totalmente da remoto – rispetto al 5% del 2019.

Quinto, perchè non mi sembra sia difficile capire che una persona lavora molto meglio se può evitarsi due ore di traffico la mattina, e altrettante la sera – e magari utilizzare il tempo impiegato in coda per leggere un libro, o fare una passeggiata, o studiare inglese.

 

Va detto che – ovviamente – non tutti i ruoli possono “beneficiare” dello Smart Working: ci sono molti tipi di lavoro che non possono prescindere dalla presenza fisica in ufficio. Ma tanti altri sì: quindi perchè aspettare ad aggiornare le politiche aziendali? Perchè aspettare a dotarsi di soluzioni per lo Smart Working agili e flessibili?

 

Ma cosa c’entra l’aumento del Business con lo Smart Working?

 

  • Azienda con più talenti = azienda che genera più Business. 

Secondo uno studio di crainsnewyork.com lo Smart Working è, secondo il 78% dei Manager, il miglior incentivo non economico per trattenere i talenti nelle Aziende. Detto in altre parole, i talenti preferiscono un miglior equilibrio tra vita lavorativa e vita privata piuttosto che altri benefit, o aumenti di stipendio.
Le aziende hanno risparmio aziende di costi vivi.

 

  • Continuità aziendale = azienda che genera più Business.

L’attuale pandemia ha insegnato a tutti che un ufficio può infatti essere chiuso per una serie di motivi, più o meno drastici (come allagamenti, interruzioni di corrente, problemi di costruzione e meccanici che causano l’inutilizzabilità dell’ufficio). Se si ricorre allo smart working, che problema c’è se l’ufficio è inutilizzabile? Con il lavoro a distanza, nessuno di questi disastri o imprevisti porterà alla chiusura di un’azienda. Causeranno semplicemente una deviazione nel percorso del business.

 

  • Dipendenti più felici, responsabilizzati e coinvolti = azienda che genera più Business

Secondo uno studio dell’Osservatorio sullo Smart Working del Politecnico di Milano, vi è un aumento della produttività dal 15% al 20% per quelle aziende dove lo Smart Working è all’ordine del giorno

In sintesi, si tratta di un win-win, non esistono lati negativi in questa modalità di lavoro – ci vuole sicuramente un investimento di tempo, è bene affidarsi ad esperti per avere consigli su come gestire i team a distanza e su come gestire il proprio Business da remoto, ed è sicuramente importante dotare i propri team dei giusti strumenti tecnologici – come ad esempio, una soluzione che permetta di rispondere al proprio numero aziendale o di chattare e fare videoconferenze ovunque ci si trovi, semplicemente avendo con sé un PC ed una connessione Internet.
Non ci sono più scuse: ora si tratta semplicemente di scegliere se essere Smart, oppure no.

1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...
Social Sharing
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *